Spritz bianco: ecco la ricetta di Zanzara!

Un aperitivo rinfrescante che piace a tutti, rivisitato per renderlo ancora più aromatico e spumeggiante!

spritz-bianco-ricetta
  • Preparazione 5 Minuti

Ingredienti

  • 60 ml di Biancosarti
  • qb Best Brut Falesco
  • qb ghiaccio
  • 1 fettina di arancia

Oggi parleremo dell’aperitivo per eccellenza, lo Spritz, e di una sua interessante variante, lo Spritz bianco, o meglio il “Bianco Spritz” di Zanzara, una rivisitazione che, secondo noi, va assolutamente provata!

 Lo Spritz bianco di Zanzara: cosa ha di diverso?

Il “Bianco Spritz” che vi proponiamo è a base Biancosarti e spumante Best Brut di Falesco:

  • Il Biancosarti è un aperitivo alcolico dal colore chiaro e brillante, il suo gusto è vigoroso e al contempo fresco. In esso si mescolano perfettamente gli aromi morbidi delle erbe, delle spezie e dei fiori, controbilanciati dal gusto intenso di cortecce e radici.
  • Il Best Brut di Falesco, da uve Trebbiano Roscetto e Malvasia, versione spumantizzata del famosissimo Est Est Est!!!, è un’originale alternativa al classico prosecco e, oltre ad avere un gusto inconfondibile, dona al nostro Spritz bianco una frizzantezza unica, senza l’aggiuta del seltz.

Eccovi qualche piccolo consiglio per uno Spritz bianco perfetto:

  • Utilizzate un calice da vino, che meglio si adatta a questo tipo di Spritz.
  • Ricordatevi di utilizzare lo spumante molto freddo per evitare che il ghiaccio nel bicchiere si sciolga e diluisca troppo lo Spritz.
  • Per lo stesso motivo utilizzate un bicchiere precedentemente raffreddato.
  • Servite immediatamente, prima che lo Spritz si scaldi.

Ora che sapete tutto, non vi resta che prepararvi un bel Bianco Spritz, brindando alla vostra ed alla nostra salute!

Procedimento

  1. Raffreddare preventivamente un calice da vino.
  2. Versarvi il Biancosarti ed aggiungere alcuni cubetti di ghiaccio.
  3. Colmare il bicchiere con il Best Brut ghiacciato.
  4. Guarnire con una fettina di arancia e servire immediatamente.

Curiosità dal bancone

Da sempre, se pensiamo allo Spritz, pensiamo a quello preparato con l’Aperol o il Campari Bitter, di un bel colore arancio intenso, e dal gusto inconfondibile.

Lo Spritz bianco, come dice il nome stesso, ha un colore chiaro, e la sua base alcolica è composta da vino bianco fermo, cui si aggiunge acqua tonica o seltz.

Vi sembrerà strano, ma pare che la prima versione di Spritz sia stata proprio questa: si dice che i soldati dell’Impero Austriaco, di stanza nel Lombardo-Veneto, per stemperare la gradazione alcolica dei vini della zona, se li facessero allungare con dell’acqua frizzante (“spritzen” in tedesco vuol dire “spruzzare”). Quindi, a onor del vero, il primo Spritz della storia sarebbe stato proprio quello bianco, e non quello rosso che viene ordinato molto più di frequente.